Benvenuti a Capri, il dono degli dèi

Benvenuti a Capri, il dono degli dèi

Stare a Capri è quasi come vivere per un attimo fuori dal tempo, magicamente immersi nel mito. Sospesa tra il blu del mare e del cielo, tra l’abbagliante bianco carsico e il verde mediterraneo, Capri è un dono degli dèi: un luogo dell’anima dove fin dall’antichità vengono a ritrovare se stessi aristocratici e artisti, poeti e politici, imprenditori e pensatori.

Il glamour della Piazzetta e la natura incontaminata e sorprendente. Il mistero delle grotte e lo splendore delle ville e dei giardini. Capri ha molti modi per conquistarti. Puoi iniziare a scoprirla lasciandoti stupire dalla Grotta Azzurra: uno spazio quasi metafisico che sembra illuminato da una luce sottomarina quando il sole incontra l’acqua. Un’esperienza per pochi: si può fare solo con piccole barche in grado di attraversare uno stretto passaggio, come un portale verso un’altra dimensione.

Oppure puoi rilassarti sulle terrazze del Punta Tragara Hotel, l’esclusiva dimora arroccata su uno dei promontori più belli dell’isola, e ammirare da qui i Faraglioni, il simbolo di Capri. Tre giganteschi scogli – il più alto misura ben 109 metri – che secondo Omero sono i massi lanciati da Polifemo contro Ulisse, mentre per Virgilio erano la dimora delle sirene. E che oggi vegliano sull’isola immersi nel mare blu poco al largo della costa.

La stessa Punta Tragara offre un’esperienza multisensoriale che, nella passeggiata verso il borgo, vi avvolgerà con i colori e i profumi dei giardini che celano ville da sogno, non di rado veri capolavori di architettura. A Capri storia, natura e leggenda vi accompagnano ad ogni passo. A Villa Jovis, voluta dall’imperatore Tiberio per onorare il padre degli dèi, dai resti di uno dei più grandi palazzi romani ci si può affacciare sul blu del Mediterraneo.

Una compenetrazione tra anima e natura che ad Anacapri, a due passi dal belvedere del Faro di Punta Carena, diventa il Parco Filosofico voluto dal mecenate svedese Gunnar Adler-Karlsson, mentre tra i tornanti di Via Krupp, la Baia di Marina Piccola o la vista sui Faraglioni si esprime nei terrazzamenti fioriti dei Giardini di Augusto. Il borgo medievale, con i suoi vicoli caratteristici, è pronto ad accogliervi per l’aperitivo in Piazzetta, ma non prima di avere scoperto altre meraviglie come la Grotta Bianca o l’Arco Naturale.

La stessa Punta Tragara offre un’esperienza multisensoriale che, nella passeggiata verso il borgo, vi avvolgerà con i colori e i profumi dei giardini che celano ville da sogno, non di rado veri capolavori di architettura. A Capri storia, natura e leggenda vi accompagnano ad ogni passo. A Villa Jovis, voluta dall’imperatore Tiberio per onorare il padre degli dèi, dai resti di uno dei più grandi palazzi romani ci si può affacciare sul blu del Mediterraneo.

Una compenetrazione tra anima e natura che ad Anacapri, a due passi dal belvedere del Faro di Punta Carena, diventa il Parco Filosofico voluto dal mecenate svedese Gunnar Adler-Karlsson, mentre tra i tornanti di Via Krupp, la Baia di Marina Piccola o la vista sui Faraglioni si esprime nei terrazzamenti fioriti dei Giardini di Augusto. Il borgo medievale, con i suoi vicoli caratteristici, è pronto ad accogliervi per l’aperitivo in Piazzetta, ma non prima di avere scoperto altre meraviglie come la Grotta Bianca o l’Arco Naturale.